IL TRATTAMENTO CONSERVATIVO NELLA TS


La terapia della TS è stata inizialmente ascritta a competenze psichiatriche, ma la sempre più chiara comprensione delle implicazioni neurologiche sta spostando l’asse interpretativo verso una eziogenesi organica e funzionale. Vengono tuttavia ancora oggi utilizzati con successo alcuni approcci conservativi di tipo psicologico. La percezione di disabilità riferita dal paziente, e la fluttuazione del quadro clinico devono essere tenute in considerazione nella definizione di uno schema terapeutico farmacologico. Il precedente assunto di MM Robertson “non esiste al momento un gold standard terapeutico” esprime pertanto la necessità di un trattamento specifico per il singolo paziente, focalizzato sul garantire la miglior qualità di vita possibile. Abbiamo a disposizione farmaci attivi prevalentemente sul quadro ticcoso, farmaci direttamente mirati sulla caratteristica di iperattività/deficit attentivo, ed SSRI efficaci per le componenti ossessivo/compulsive. Un elenco pressoché esaustivo delle sostanze farmacologiche, e dei trattamenti psicologici ritenuti efficaci è riportato nella Tabella 1. Nella valutazione della responsività al trattamento conservativo del paziente, sono stati inclusi anche farmaci di più recente utilizzo internazionale. Tra questi, particolare interesse ha suscitato la tetrabenazina (TBZ). La TBZ è un inibitore reversibile del reuptake di dopamina, serotonina e noradrenalina ed è un antagonista del recettore postsinaptico D2 (Login IS et al 1983) Presenta legami ad alta affinità con VMTA2 e bassa affinità con VMTA1. Questo farmaco viene ormai di consueto impiegato anche presso il nostro Centro.

Tabella 1: principali farmaci attivi sulle diverse caratteristiche del quadro clinico della TS

Trattamenti per TIC Aloperidolo Pimozide Sulpiride Ziprasidone Quetiapina Aripiprazolo Nicotine Micamilamina Cannabis Pergolide Tetrabenazina

Trattamenti per ADHD Metilfenidato Pemolide Clonidina Guanfacina Atomoxetina

Trattamenti per OCB SSRI Antidepressivi triciclici

Approccio psicologico Cognitive approach Self-control methods Relaxing methods Habit Reversal

(M. Porta MD, M. Sassi MD, A. Brambilla PsyD PhD, D. Servello MD, Neurochirurgia Funzionale, Centro Tourette, Istituto Galeazzi IRCCS Milano - In collaborazione con Associazione Italiana Sindrome di Tourette e disturbi Correlati)

42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti